Acidi della frutta: cosa sono e perché ti fanno splendere - Lumama
Ordina in 2 minuti senza registrazione. Spedizione gratuita per ordini oltre 60 euro.

Tutto sugli acidi della frutta: i super eroi della cosmesi

Tutto sugli acidi della frutta: i super eroi della cosmesi

Gli acidi della frutta sono il Santo Graal della cosmetica? Be’ diciamo che – insieme al Retinolo e a pochi altri attivi – sono uno dei pilastri della skincare routine efficace. Perché? Continua a leggere!

I benefici dell’esfoliazione

Sul fatto che l’esfoliazione regolare sia un must della cura della pelle, e che i benefici siano numerosi, sono tutti concordi. Infatti, una regolare esfoliazione:

  • lenisce le infiammazioni, sintomo di acne, rosacea e altri problemi della pelle
  • contribuisce a ridurre le rughe superficiali
  • uniforma il tono della pelle
  • migliora la struttura generale della pelle
  • rimuove le cellule morte
  • libera i pori, prevenendo così  brufoli e breakout
  • restringe i pori
Lenisce, idrata esfolia: un kit a base di bava di lumaca ad alta concentrazione per migliorare aspetto e salute della pelle del viso

TRATTAMENTO QUOTIDIANO DI RINNOVAMENTO CELLULARE

In caso di pelle disidratata, rossa, squamata e screpolata ♥ in caso di macchie brune: lentigo senili, lentigo solari, melasma e cloasma (maschera gravidica) ♥ per migliorare l’aspetto di cicatrici, e ridurre macchie e segni dell’acne ♥ pelle spenta e opaca ♥ per un effetto anti-aging e anti-rughe

Tipologia di esfoliazione

L’esfoliazione si può ottenere con due metodiche: chimica (cioè con gli acidi della frutta, detti anche AHA– Alpha Hydroxy Acid, o con i BHA-Beta Hydroxy Acid) oppure fisica (scrub). In linea generale l’esfoliazione chimica è da preferirsi – nel caso soprattutto di pelli sensibili o a tendenza acneica – perché protegge l’epidermide dal rischio di micro-abrasioni causate dai granuli dello scrub. Ma non c’è una cosa migliore dell’altra. Dipende cosa devi fare e qual è il tuo obiettivo.

infografica esfoliazione cancellare le macchie

Acidi della frutta o AHA vs BHA

E allora, venendo all’esfoliazione chimica, cosa è meglio usare fra acidi della frutta e BHA, come l’acido salicilico? Anche qui, la risposta dipende dal problema che si vuole risolvere e dagli obiettivi cosmetici che si intende raggiungere.

Entrambe queste tipologie di prodotti hanno come caratteristica funzionale quella di esfoliare la pelle. A seconda della concentrazione, possono rimuovere le cellule morte dalla superficie della pelle, oppure rimuovere per intero lo strato più esterno dell’epidermide (è questo il caso soprattutto dei peeling chimici che si fanno dell’estetista). Gli acidi  BHA sono solubili in olio e, a differenza degli AHA, che invece sono solubili in acqua, riescono a penetrare più a fondo nei pori per rimuovere le cellule morte della pelle e il sebo in eccesso.

Come funzionano gli acidi della frutta

Gli AHA sono acidi derivati dalla frutta zuccherina. In buona sostanza, questi acidi riescono a sciogliere i legami che trattengono le cellule epiteliali morte a quelle vive. Cioè ne accelerano la caduta o, in altre parole, accelerano il ricambio cellulare. Una volta liberata dalle vecchie cellule la pelle è stimolata a produrne di nuove. E anche la pelle è rinnovata: più chiara, liscia, levigata.
primo detergente a base di bava di lumaca e acidi della frutta

Come usare gli acidi della frutta

Tutti gli  acidi della frutta producono un’esfoliazione significativa. Naturalmente gli effetti e gli usi variano leggermente tra i vari tipi di acidi e sulla base della concentrazione. In ogni caso, la concentrazione di AHA non dovrebbe superare il 10/15 per cento. Poi, ogni nuovo prodotto contenente AHA in alte percentuali dovrebbe essere introdotto gradatamente, una volta ogni due giorni, per permettere alla pelle di abituarsi e ridurre  il rischio di effetti collaterali.
Non solo acido glicolico: nella bava di lumache un mix di attivi cosmetici per rinnovare la pelle senza smettere di proteggerla

Dalle chiocciole, l'esfoliante delicato per uso quotidiano. Contro macchie, cicatrici, pelle opaca

Ma soprattutto, non importa quale AHA scegli, ricorda che la pelle diventa ancora più sensibile al sole. Metti la protezione solare ogni mattina per prevenire scottature, macchie dell’età e problemi ben peggiori.
Macchie, ispessimento, fotoinvecchiamento: dal sole molti rischi per la pelle

i danni del sole sulla pelle: scopri come ripararli con metodi naturali

Gli acidi della frutta più usati in cosmetica

Acido glicolico

L’acido glicolico è l’AHA più usato in cosmetica (tra l’altro è anche prodotto da una pianta ampiamente disponibile: la canna da zucchero). Il potere esfoliante dell’acido glicolico è significativo, il che lo rende un trattamento completo per molti problemi della pelle. E grazie alle sue proprietà antimicrobiche, può anche aiutare a prevenire l’insorgenza dell’acne.
Nei prodotti a base di bava di lumaca l’effetto antiacne dell’acido glicolico si amplifica  grazie all’effetto sinergico di altri attivi cosmetici naturalmente presenti nel gel delle chiocciole come Vitamina A, peptidi, allantoina
skincare kit pelle acneica alla bava di lumaca

Acido tartarico

Anche se non è così noto, il tartarico è un altro tipo di AHA. Viene derivato dall’estratto di uva, e può aiutare ad alleggerire i segni  dell’acne e i danni del sole.

Acido citrico

Come suggerisce il nome, l’acido citrico è derivato dall’estratto di agrumi. Il suo principale effetto cosmetico è quello di neutralizzare il pH della pelle e di levigare le zone ruvide. L’acido citrico è un ottimo componente di tonici o sieri da utilizzare la sera prima di applicare una crema idratante. In abbinamento ad una crema solare, potenzia l’effetto SFP, per una massima protezione UV.

Sebbene sia principalmente classificato come AHA, alcune formulazioni di acido citrico sono anche BHA. In quest caso, invece che agire sul pH della pelle, questo tipo di acido citrico esercita un’azione  sebo-regolatrice e pulisce i pori in profondità, liberandoli dalle cellule morte.

Acido malico

L’acido malico è un acido a cavallo fra AHA-BHA. Acido della mela, rispetto ad altri AHA  non è così efficace se usato in “solitaria”. Tuttavia è usato in cosmetica per il suo effetto potenziante degli altri acidi della frutta.

Acido mandelico

L’acido mandelico, ottenuto dall’estratto di mandorle, si caratterizza per le molecole di dimensione più grande.  Usato da solo, l’acido mandelico può migliorare la consistenza e la dimensione dei pori. In combinazione con altri AHA, ne aumenta il potere esfoliante.

I prodotti Lumama dal potere esfoliante, illuminante, rigenerante